NUMERO CENTRALINO
02.3883
CRI Comitato Provinciale di Milano

Pubblicato il 21 - Nov - 2013

È il primo appuntamento internazionale dedicato a un tema di scottante attualità: l’identificazione dei deceduti e, in particolare, dei migranti, con un preciso riferimento all’esperienza dei Paesi mediterranei.

"First Conference on the management and identification of unidentified decedents, with an emphasis on dead migrants: the experience of European Mediterranean countries" è il titolo del congresso, che si terrà il 22 e 23 novembre presso l’Università degli Studi di Milano in via Mangiagalli 37.

Tra gli organizzatori figura il Labanof (Laboratorio di Antropologia e Odontologia Forense) della Sezione di Medicina legale del dipartimento di Scienze biomediche per la salute, insieme ad altri due partner che hanno autorevole voce in capitolo: il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) e la Croce Rossa Italiana, con l’Ufficio Tracing, Restoring Family Links e Protezione Umanitaria del Comitato Regionale lombardo. Il suo compito è ristabilire i contatti tra le famiglie e le vittime, dando un valido contributo all’attività di identificazione. Si tratta di un compito strettamente correlato a quello delle autorità competenti in materia di indagini scientifiche e medicina legale, come le forze di polizia o i laboratori universitari.

Uno degli obiettivi dell’evento è proprio quello di incoraggiare la comunicazione e la cooperazione tra le forze in campo, per fronteggiare sempre più adeguatamente la tragedia dei vivi o deceduti non identificati. La ricerca di standard comuni di lavoro, l’individuazione delle pratiche migliori nella gestione e identificazione dei corpi e la condivisione di informazioni ed esperienze sono tra i risultati attesi dal congresso.

Per questo, verrà presa in esame la situazione dei Paesi più coinvolti (Spagna, Portogallo, Francia, Grecia, Malta e Italia) e interverranno organizzazioni internazionali come L’Interpol, il Consiglio d’Europa e Frontex.

22-23 novembre, Aula Magna della Sezione di Medicina legale, via Mangiagalli 37

La conferenza è in lingua inglese

Program

Locandina