NUMERO CENTRALINO
02.3883
CRI Comitato Provinciale di Milano

Pubblicato il 27 - Gen - 2016

 

DSC_2021White goods for Red Cross è il progetto ideato da Whirlpool Corporation e dalla Croce Rossa Italiana per offrire un aiuto concreto all’attività di accoglienza dei migranti in Italia e in Europa. L’iniziativa, per la quale il 27 febbraio è stato firmato un protocollo d’intesa a Roma, presso la sede della Croce Rossa Italiana, prevede che Whirlpool attrezzi, in maniera completa e professionale, i centri di accoglienza CRI di Roma, Milano-Bresso e Ventimiglia. Successivamente, il Gruppo donerà anche ad altri centri di accoglienza gestiti da CRI un elettrodomestico in base alle specifiche necessità.

 

“Sono personalmente orgogliosa, come Presidente di Whirlpool Corporation per l’area Europa, Medio Oriente e Africa, di poter annunciare l’inizio di questa collaborazione con la Croce Rossa Italiana, in linea con la nostra tradizione di prenderci cura delle persone e delle comunità laddove siamo presenti”, ha dichiarato Esther Berrozpe, Presidente di Whirlpool EMEA e Vice Presidente Esecutivo di Whirlpool Corporation, al termine della cerimonia di firma del protocollo. “White goods for Red Cross è nato per offrire un aiuto concreto all’emergenza umanitaria dei migranti che ha investito negli ultimi mesi l’Italia e l’Europa”.

 

FOTO_1Attualmente si stima che nel mondo siano 73 milioni le persone migranti, di cui 43 hanno lasciato la propria casa a causa di conflitti e violenze, 15 milioni in seguito a disastri e calamità naturali e altri 15 a causa di cambiamenti economici nel proprio paese.

Nel 2014 sono arrivate in Italia 170.100 persone (tra cui 26.122 minori). Di queste, quasi 107.000 tra uomini, donne e minori hanno viaggiato attraverso il Paese diretti altrove. Si tratta dei cosiddetti “migranti in transito” che non hanno la possibilità di accedere ai servizi sanitari e sfuggono a ogni sorveglianza medica, tranne quella svolta nel porto di arrivo o lungo il loro percorso, per esempio nei centri che CRI ha allestito a Roma e a Ventimiglia proprio per rispondere a questo fenomeno.

 

Nel 2015 La Croce Rossa Italiana ha accolto allo sbarco oltre 143.000 persone migranti, garantendo la presenza di 2700 volontari, mentre sono 150.000 i migranti totali approdati in Italia nell’anno appena trascorso (in Europa si arriva al milione di persone).

Come ampiamente previsto, anche nei primi giorni del 2016 non si sono interrotti gli sbarchi sulle nostre coste, nonostante le condizioni climatiche poco favorevoli. Dall’inizio dell’anno a oggi le persone sbarcate e assistite dalla Croce Rossa in Sicilia sono circa 2600.

 

FOTO_3Con i suoi 130mila volontari la CRI è presente in modo capillare in tutta Italia, dallo sbarco all’accoglienza, prestando, insieme al Ministero della Salute, assistenza sanitaria e garantendo supporto psicosociale e linguistico. Attraverso il servizio di RFL (Restoring Family Link), si occupa inoltre di cercare le persone scomparse e di riunificare i nuclei familiari separati durante il viaggio in mare o sul territorio italiano.

Questo stesso tipo di assistenza completa viene garantita da operatori e volontari CRI anche nei circa 70 centri di accoglienza dislocati in tutta Italia, che nel 2015 hanno accolto quasi 4.000 persone.

 

“Nell’ultimo anno”, ha dichiarato il Presidente nazionale della Croce Rossa Italiana Francesco Rocca, “abbiamo incrementato la nostra forza sul campo e migliorato la nostra capacità di risposta a questa crisi. Questo sforzo ci è stato riconosciuto, tanto da poter contare sull’aiuto e sul contributo di diverse realtà come Whirlpool, cui siamo particolarmente grati per la solidarietà offerta e per l’aiuto concreto che ci è di grande supporto, viste le difficoltà da affrontare quotidianamente. Come Croce Rossa Italiana continueremo a far sentire forte la nostra voce per mettere al centro l’essere umano, ma allo stesso tempo mi auguro di poter continuare a contare su collaborazioni efficaci come quella siglata stamattina”.

 

I primi centri interessati dall’iniziativa sono: Roma, dove dall’estate scorsa sono transitate più di 2.500 persone, prima nel campo allestito nei pressi della stazione Tiburtina, ora nella struttura di via del Frantoio; Bresso (Milano) nel Centro di Formazione ed Emergenza in cui è operativo anche l’hub della Lombardia, dove transitano circa 3.500 migranti al mese; Ventimiglia (Imperia), dove dal giugno scorso la Croce Rossa sta assistendo quotidianamente circa 200 migranti in transito verso il Nord Europa.